Cerca il tuo film:





Condividi
Commenta
Guarda il Trailer
Download

Voto:

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Uomini che odiano le donne Streaming

Uomini che odiano le donne Streaming racconta che Harriet Vanger è scomparsa quarant’anni fa sull’isola di proprietà dal suo potente clan familiare. Il suo corpo non è mai stato ritrovato ma suo zio è da sempre convinto che sia stata assassinata e che a ucciderla sia stato un parente.
Nonostante tutto il tempo passato ha ancora il desiderio di indagare sul passato. Per farlo assume Mikael Blomkvist, un giornalista economico in crisi, che viene aiutato da Lisbeth Salander, hacker tatuata e tostissima. Ma i Vanger sono gelosi dei loro segreti, e i due improvvisati investigatori scopriranno di cosa sono capaci pur di difenderli.

La mia opinione su Uomini che odiano le donne (2009) :
Rinchiusa nei canoni del cinema di genere il regista danese Niels Arden Oplev conserva la critica sociale prodotta dalle pagine di Stieg Larsson. Nonché autore della trilogia Millennium e creatore di un’eroina interrotta. Le vittime principali delle persecuzioni e delle violenze del primo romanzo dello scrittore svedese sono evidentemente le donne. I carnefici sono dei mostri che vanno eliminati senza sconti indulgenze o garantismi.

Il terrore nel libro e nel film omonimo non corre sul filo ma nel luogo sacro dell’immaginario europeo. La famiglia.
Al centro di Uomini che odiano le donne si muove allora il potente clan dei Vanger dominato da patriarchi antisemiti che hanno praticato il nazionalsocialismo in un passato nemmeno troppo lontano. Mikael Blomkvist assoldato dal vecchio Henrik per far luce sulla sparizione dell’adorata nipote incarna l’irruzione di una turbativa del presunto ordine familiare.

Affiancato dall’inquieta ma efficiente e dinamica Lisbeth. Il giornalista comunista di Millennium indaga e poi smaschera il misfatto che racchiude la storia occulta della famiglia. Il nucleo rimosso della realtà dei Vanger. Sul film e sul romanzo aleggia di fatto il retaggio dei traumi non pacificati della socialdemocratica Svezia. Le cui politiche eugenetiche atte a preservare il ceppo popolare svedese dall’incrocio con elementi razziali stranieri furono fonte di ispirazione per la Germania hitleriana.
Se la Svezia non espresse pienamente la ferocia nazista e non rappresentò un pericolo analogo. Rivelò comunque un regime subdolo e totalitario democratico ma totalitario. L’immoralità e il male scrive Larsson e traduce in immagini Oplev si nascondono allora dietro nomi insospettabili. Dietro la normalità familiare. Sede privilegiata di incubi spaventosi.

Fantasmi generati dall’universo borghese ossessionano lo zio Henrik dal volto morale e perbene dei Vanger. Che denuncerà le piaghe dolorose di quell’infanzia. Infrangendo per la prima volta l’omertà che ha sempre protetto i padri. Non è mai facile adattare un romanzo e risolvere in maniera brillante i problemi che derivano dalla costruzione letteraria ma ugualmente il regista danese che viene chiamato a viaggiare tra le pagine di Larsson. Ha proposto un repertorio di soluzioni sazie di vita e di tutto il suo carico di orrori e desideri. Di amore e follia di gioia e crudeltà.

Costruito secondo uno schema classico Uomini che odiano le donne 2009 trova l’elemento più interessante negli attori Michael Nyqvist, Noomi Rapace. Che riparano una regia retorica e zoppicante. Incline suo malgrado a semplificare e banalizzare il modello letterario.
Quello di Niels Arden Oplev è un film riuscito a metà. Che chiarisce tutto ma proprio tutto attraverso l’uso enfatico del flashback. L’evocazione di un evento anteriore conferma ciò che già sapevamo e ogni pezzo narrativo finisce al suo posto. Nessun rischio, nessun superamento del senso comune del linguaggio cinematografico, nessun margine di inespresso. A-dogmatico.

Il mio voto è : 7/10

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul film Uomini che odiano le donne streaming altadefinizione vai qui: Trama e recensione del film Uomini che odiano le donne streaming

Guarda film simili nella categoria Crimine.

I SITI STREAMING SONO A RISCHIO
Sitemap